Museo Nazionale del Bargello

Museo Nazionale del Bargello

Il Museo del Bargello raccoglie un'importante collezione di scultura italiana (XIV-XVI secolo), ma anche armi, armature, oggetti in bronzo, avori e le medaglie dei Medici.

Il Palazzo del Bargello, la cui architettura ricorda quella dei castelli medievali, fu costruito a partire dal 1255. Dopo quasi un secolo di lavori di edificazione, ristrutturazioni e riparazioni, dal Quattrocento assunse il suo attuale aspetto.

Il museo aprì le sue porte nel 1865, esponendo capolavori come il David di Donatello o il Bacco di Michelangelo.

Uso del Palazzo

Fin dai suoi primi anni, il Palazzo del Bargello fu utilizzato come residenza ducale e come sede del governo locale.

Dal Cinquecento al Novecento, l’edificio servì come penitenziario e fu sede del comando di polizia (il Bargello). Fino alla fine del XVIII secolo, nel suo cortile si realizzavano le esecuzioni capitali.

Merita la pena?

Anche se questo edificio conserva una della migliori collezioni di scultura del Rinascimento ed altri oggetti di grande valore storico, a nostro avviso non è una delle visite più importanti di Firenze. Come accade con Palazzo Vecchio, l’architettura e la decorazione dei suoi piani meritano d'essere contemplate.

Orario

Dal lunedì alla domenica, dalle ore 8:15 alle 13:50 (la biglietteria chiude alle 13:20).
Chiuso: 2° e 4° domenica del mese; 1°, 3° e 5° lunedì del mese.

Prezzo

Adulti: 4€.
Giovani fra i 18 e i 25 anni: 2€.
Minori di 18 e maggiori di 65 anni: ingresso gratuito.
Ingresso libero ogni prima domenica del mese.

Trasporto

Autobus: linee A, 14 e 23.